Nota stampa dei rappresentanti dei dipendenti dell’Istituto Italiano di Tecnologia circa la gestione dei protocolli di sicurezza Covid 19 a tutela del personale

Date:

Share post:

di Redazione Genova

I dipendenti della Fondazione Istituto Italiano di Tecnologia, attraverso i propri rappresentanti, esprimono sconcerto nel constatare come la Dirigenza dell’Istituto non ritenga necessario rivedere le modalità del lavoro in presenza e da remoto, come più volte richiesto e soprattutto alla luce della delibera del Governo approvata in data 15 dicembre 2021. Delibera che ha esteso lo stato di emergenza fino al 31/03/2022.

I lavoratori ritengono che la riorganizzazione delle attività dell’IIT, col fine ultimo di tutelare al massimo tutti i colleghi che hanno accesso all’Istituto (sia nelle sedi centrali sia nei centri) nei confronti di un possibile contagio da Covid-19, debba rappresentare un interesse primario della Dirigenza. Da affrontarsi in via prioritaria, e soprattutto operativamente, con il tramite delle rappresentanze dei dipendenti.

Si ricorda infatti che, sebbene il Protocollo generale Covid – pubblicato dal Ministero del lavoro – prevede la costituzione in azienda di uno specifico Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del Protocollo stesso, da effettuarsi con la partecipazione delle rappresentanze dei lavoratori e degli RLS, allo stato attuale l’attivazione in IIT di tale Comitato non registra un coinvolgimento attivo della rappresentanza del personale (che l’ha richiesto), ma soltanto limitate consultazioni degli RLS.

Con il prolungarsi dell’emergenza pandemica, i cui numeri di fine anno indicano come essere ancora lontana da definitiva conclusione, si richiede la costituzione di un comitato Covid aziendale completo di tutte le sue componenti, così come stabilito dagli accordi sindacali e dalle norme nazionali, nonché quelle revisioni delle modalità di lavoro che favoriscano in massima parte le attività da remoto.

In previsione del protrarsi della fase pandemica nel nuovo anno, i Rappresentanti e il personale tutto, intraprenderanno ogni azione utile al fine di tutelare il proprio fondamentale diritto alla salute e alla sicurezza sul luogo di lavoro; nella piena consapevolezza del contributo e dell’impegno che i lavoratori stessi hanno orgogliosamente profuso dai primi momenti della crisi pandemica nel 2020 fino al momento attuale.  Un impegno che ha permesso di mantenere in piena funzione l’attività dell’Ente, nonché il conseguimento degli obiettivi scientifici della Fondazione.

Così una nota stampa dei Rappresentanti dei Dipendenti IIT.

 

(3 gennaio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 


ALTRI ARTICOLI

Inaugura il 26 maggio la mostra dedicata al movimento di liberazione LGBT+ italiano: 5 aprile 1972

di Redazione LGBTIQA+ Inaugura giovedì 26 Maggio 2022 al Primo Piano di Palazzo Grillo una mostra dedicata al movimento...

Valpolcevera, ok all’adeguamento idraulico del tratto tombinato del rio Maltempo e del torrente Torbella: progetto da 20,8 milioni di euro

di Redazione Genova Approvato dalla giunta comunale, su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici, il progetto per le opere di...

Presentata la nona edizione del Festival della Comunicazione. Camogli, 8-11 settembre 2022

di Redazione Cultura Quella in arrivo da giovedì 8 a domenica 11 settembre non è solo l’edizione del Festival...

Genova al centro dei grandi eventi sportivi: Giro d’Italia, The Ocean Race e Capitale Europea dello Sport

di Redazione Sport Genova crocevia di grandi eventi sportivi. Il ritorno del Giro d’Italia di ciclismo “lancia la volata”...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: