O di organizzatori di Marce su Roma che devono 255mila euro di contributi allo Stato…

Date:

Share post:

di R.S. #Politica twitter@genovanewsgaia #LaSpezia

 

E’ il sacro fuoco del cercare un colpevole a tutti i costi, fuori da noi stessi, quello che brucia. E quel sacro fuoco scotta. Non gli altri, ma noi stessi. Perché chi brucia d’ardore è anche cieco. E troppo spesso sordo. Ancor più spesso è irragionevole e, cosa peggiore, smemorato.

Lui è l’ideatore della marcia su Roma che doveva essere una manifestazione oceanica (A Carpi! A Carpi!, scriveva Tondelli, ma questa è un’alttra storia, ma il nesso c’è. Va solo scoperto) “per difendere i lavoratori e mandare a casa i politici»” – per prendere il loro posto e fare peggio di quanto abbiano fatto loro? Non c’è nessuna novità in questo. Lo hanno già fatto i  5 Stelle – manifestazione che avrebbe dovuto tenersi davanti a Montecitorio lo scorso primo maggio.

La manifestazione però non ha fatto bene allo smemorato imprenditore che, secondo la Procura, anziché tutelare i suoi dipendenti o meglio “difendere i lavoratori” tra il 2015 e 2018 non ha versato contributi per 255 mila euro. Insomma, il sacro fuoco del cercare un colpevoli a tutti i costi, ha colpito ancora facendo perdere la memoria a chi colpito dal sacro fuoco fu.
Duole avere sempre ragione.

Lui è un cinquantenne imprenditore che in passato ha gestito discoteche e bar nello Spezzino e in Versilia, già nel mirino delle Iene, ma che stavolta è finito sotto l’obbiettivo del sostituto procuratore Rossella Soffio che gli ha fatto notificare un avviso di conclusione delle indagine preliminari, atto giudiziario che, di solito, prelude alla richiesta di rinvio a giudizio.

Nicola Franzoni, 50enne divorato dalla sacra passione dell’anti-politica, è stato notificato – scrive Il Secolo XIX – è contestato «l’omesso versamento di contributi per un importo complessivo di 255 mila euro».

Poi il colpo geniale. Pisciare contro il muro di Palazzo Chigi in sfregio alla politica e all’attuale presidente del Consiglio. Risultato: 280mila euro di multa. L’ardore rende ebbri. E quando hai bevuto troppo  se la devi fare la devi fare

 

(5 giugno 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 




ALTRI ARTICOLI

“Meglio Fare 100 Cose Bene che una Male. Come diventare un creativo multifunzionale” di Max Nardar

di Redazione Cultura Nell’opera “Meglio Fare 100 Cose Bene che una Male. Come diventare un creativo multifunzionale” di Max...

La grande mostra a 100 anni dalla nascita di Vittorio Gassman dal 7 luglio al 18 settembre 2022

di Redazione Cultura Celebrare il centenario di Vittorio Gassman attraverso una grande mostra, la prima a lui dedicata, significa...

BOEM, il 2 e 3 luglio a Bogliasco spiaggia e molo si trasformano in palchi sul mare

di Redazione Genova Sabato e domenica, 2 e 3 luglio, a Bogliasco si svolge la prima edizione di BOEM,...

Allerta meteo gialla per temporali dalle 10 alle 20 di martedì 28 giugno

di Redazione Genova Il Coc (Centro Operativo Comunale) si è riunito nel pomeriggio di oggi e, sulla base della...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: