Pubblicità
6.7 C
Genova
9.3 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
HomeLerici“Il Lungomare dei Poeti”. Il progetto di riqualificazione del lungomare di Lerici

“Il Lungomare dei Poeti”. Il progetto di riqualificazione del lungomare di Lerici

GAIAITALIA.COM GENOVA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione Lerici

Il Lungomare di Lerici si avvia verso un processo di riqualificazione che si attendeva da tempo e che porterà il fronte mare ad essere in armonia architettonica e paesaggistica con il resto della città, rispettando l’identità storica del luogo ma migliorandone la fruibilità e mettendo in rapporto armonico Piazza Garibaldi, la calata e Via Roma tra loro e con il resto della passeggiata pedonale. La volontà dell’amministrazione Paoletti era proprio quella di rimuovere gli elementi di interruzione presenti nel cuore del capoluogo per ripristinare la visione d’insieme progettata a suo tempo da Franco Oliva storico architetto che per primo disegnò l’immagine di una nuova Lerici che usciva dalla visione di borgo unicamente legato alle attività cantieristiche che un tempo si svolgevano proprio nella piazza Garibaldi. Il progetto esecutivo del primo lotto di lavori interessa l’area che da Piazza Garibaldi dà avvio al lungomare sino a Piazza Tarabotto. “

Abbiamo diviso i lavori di riqualificazione in diversi step, principalmente per ragioni economiche, per non pesare troppo su un unico bilancio, ma anche per non impegnare tutto il lungomare in un cantiere creando maggiori disagi alla cittadinanza ed alle attività che insistono sul lungomare” spiega il Sindaco Leonardo Paoletti che continua: “Tuttavia una visione di insieme c’è sull’intera opera di restauro che una volta ultimato, restituirà alla cittadinanza uno spazio di condivisione più ampio, più fruibile ed anche più sicuro”.

Una delle maggiori novità che verranno inserite con l’intervento è legata ai livelli stradali: verrà pareggiato il piano calpestabile portandolo tutto al livello del frontemare eliminando completamente le barriere archiettoniche: “Questa soluzione consentirà di lasciare un’area sotterranea alle radici dei pini che potranno ccrescere sotto il livello di calpestio risolvendo l’annosa questione che costituiva anche pericolo per i pedoni e per i motocicli nell’area di parcheggio a loro dedicata”. Anche la logistica dei servizi subirà delle variazioni come, ad esempio, lo spostamento della fermata del bus, che verrà arretrata in via Roma per liberare il cuore del borgo dai continui intasamenti, dal rumore, e dalle soste selvagge. “Il raccordo tra piazza Garibaldi e l’inizio della passeggiata sarà aperto, senza soluzione di continuità, senza ostacoli che interferiscano con lo sguardo creando un unico spazio. Lo stesso concetto verrà attuato anche tra via Roma e la passeggiata, riducendo gli ostacoli, ridisegnando le aiuole e aumentando i punti di comunicazione come le strisce pedonali” continua Paoletti.

A differenza di questa prima parte di intervento che è giunta ormai alla fase operativa (a breve la gara per l’assegnazione del lavoro alla ditta), i lotti successivi di intervento non sono ancora in fase di progettazione definitiva: “Sulle fasi successive, abbiamo immaginato una visione dei giardini, aperti a considerazioni e suggerimenti che arriveranno dai cittadini e che ascolteremo con attenzione” spiega ancora il Sindaco, che tuttavia avanza qualche ipotesi: “Immaginiamo delle anse tra le aiuole più regolari e fruibili, un aumento delle sedute e delle aree dedicate a bambini e ragazzi ed un’illuminazione che renda meno buio il lungomare anche nelle serate invernali”.

Alla mail sindaco.lerici@gmail.com i cittadini potranno avanzare proposte, lanciare suggerimenti e consigli nell’ottica di una visione di Lerici al passo con i tempi, pur nell’idea identitaria generale.

 

(16 febbraio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


PubblicitàEmozioni uniche - Acquario di Genova

LEGGI ANCHE