Pubblicità
9.2 C
Genova
16.9 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
HomeLiguriaSanità, Ioculano (PD): “Il Consiglio dei Ministri conferma quanto avevamo fatto notare...

Sanità, Ioculano (PD): “Il Consiglio dei Ministri conferma quanto avevamo fatto notare in seduta di bilancio: l’emendamento Toti-Gratarola sull’uso di medici pubblici in strutture private è illegittimo, inaccettabile e inutile”

GAIAITALIA.COM GENOVA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Lo avevamo detto fin da subito in aula durante la discussione del bilancio e ora lo conferma lo stesso Consiglio dei Ministri: l’emendamento Toti-Gratarola sull’uso dei medici pubblici in strutture private è un provvedimento inapplicabile e insensato. Fin da subito avevamo fatto presente che era solo un modo per rafforzare i privati a scapito del pubblico ora anche il governo di centro destra, riferimento della maggioranza in consiglio regionale, conferma l’inadeguatezza e anzi ne sottolinea l’illegittimità costituzionale. In un momento in cui si moltiplicano le carenze, con pensionamenti, fughe e mancate assunzioni, la Giunta invece di mettere in campo provvedimenti in grado di colmare questi vuoti, pensa di potersi affidare a soluzioni tampone inutili a colmare i disservizi e a ridurre le liste d’attesa”, così il consigliere regionale del Partito Democratico Enrico Ioculano, relatore di minoranza per il PD durante la seduta di bilancio, dopo le notizie di stampa che rendono nota la bocciatura da parte del consiglio dei ministri dell’emendamento della Giunta Toti sull’utilizzo dei medici pubblici in strutture private.

“L’assessore Gratarola vive di contraddizioni e questo emendamento ne è stata la prova: se da un lato si espone contro le Cooperative e i medici a gettone dall’altro rimpingua le Asl, soprattutto la Asl 1, di medici privati e promuove l’uso dei medici pubblici nelle strutture convenzionate. Non solo, non contento della bocciatura del Consiglio dei ministri rilancia e spera in un ripensamento e un’approvazione, nonostante l’emendamento presenti profili di incostituzionalità. Una prospettiva inaccettabile: serve invece una proposta in grado di rafforzare il pubblico”, conclude Ioculano.

 

(28 febbraio 2024)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PubblicitàEmozioni uniche - Acquario di Genova

LEGGI ANCHE