Home / Genova Spettacoli / Annullato il concerto della GOG al Teatro San Felice. Scoppia la polemica

Annullato il concerto della GOG al Teatro San Felice. Scoppia la polemica

di Redazione, #Genova twitter@genovanewsgaia #Musica

 

Annullato il concerto straordinario per Genova di lunedì 16 dicembre al Teatro Carlo Felice con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta da Gustavo Dudamel. Ad annunciarlo Le Società PerGenova, Salini Impregilo, Fincantieri e la Giovine Orchestra Genovese in una nota congiunta in cui spiegano che «Il Maestro Dudamel si è visto costretto a cancellare la serie di concerti in Italia per motivi di salute».

Il concerto  del celebre maestro Gustavo Dudamel, inserito nella stagione della Giovine Orchestra Genovese (Gog) era davvero un evento molto atteso in città; sarebbe stato il Concerto per la città, piegata dalla tragedia del Ponte, con incasso in beneficienza.

Causa di maggiore sconcerto tra gli appassionati di musica classica sarebbe stata l’impossibilità da parte degli organizzatori di trovare altre soluzioni che consentissero comunque lo svolgimento del concerto, ovvero un possibile sostituto della prevista superstar dell’evento. Secondo alcune voci – riportate da La Repubblica – sarebbero stati presi in considerazione anche nomi importanti; tuttavia, né il sostituto istituzionale Mihhail Gerts, Maestro estone che ha diretto da San Pietroburgo a Osaka, né il grandissimo Daniel Harding contattato in emergenza e considerato bacchetta forse ancor più celebre (incide per la Deutsche Grammophon) del suo quasi coetaneo Dudamel (sono entrambi direttori giovani), sono stati giudicati meritevoli per l’evento genovese.

La polemica sarebbe, quindi, scoppiata a causa del comportamento degli sponsor dell’iniziativa, segnalato con rammarico da GOG tramite una lettera firmata dal presidente Nicola Costa rivolta agli abbonati:

Purtroppo la malattia del Direttore Dudamel, vera star della serata, ha convinto gli sponsor a non sostenere più l’iniziativa, avviata da tempo. L’Orchestra aveva già fissato trasporti e albergo, mentre come Gog eravamo stati autorizzati a procedere con la vendita dei biglietti e a distribuire manifesti e locandine. E’ difficile, da parte nostra, accettare a cuor leggero questa decisione, tenuto conto che era disponibile un Direttore sostitutivo di grande fama internazionale, e che non si è mai visto un concerto sinfonico saltare per la malattia del Direttore. Abbiamo lavorato su questo ‘sogno’ per oltre un anno con Pietro Borgonovo (il direttore artistico della Gog, ndr), lo abbiamo tenuto ‘segreto’ fino alla definizione dell’ultimo dettaglio, abbiamo ottenuto l’appoggio del Teatro Carlo Felice e del suo Sovrintendente, non potevamo prevedere che un’operazione nata “per Genova”, che si proponeva, con i protagonisti della ricostruzione del Ponte, di dare un ulteriore messaggio di solidarietà alla città e alle persone colpite dal crollo del Morandi, potesse svanire senza una reale impossibilità di realizzazione.

 

 

(12 dicembre 2019)

@gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 




 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: