Pubblicità
15.9 C
Genova
22 C
Roma
Pubblicità

GENOVA

Pubblicità

POLITICA

HomeGenovaRicordato l'eccidio di Bornasco del 23 aprile 1945

Ricordato l’eccidio di Bornasco del 23 aprile 1945

Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

Il presidente del Consiglio comunale di Genova ha tenuto l’orazione ufficiale in occasione del 79° Anniversario dell’eccidio di Bornasco nella frazione Gualdrasco, in provincia di Pavia. A rappresentare Genova e il Comitato permanente della Resistenza della provincia di Genova, anche il gonfalone della città.

“Dal 23 aprile del 1945 – ha detto il presidente del consiglio comunale – Genova e Bornasco sono unite da un forte legame, nato dal dolore scaturito da uno degli episodi più tragici legati alla Resistenza italiana, durante la Seconda Guerra Mondiale, esempio della violenza e delle atrocità commesse dall’occupazione nazifascista in Italia e testimonianza della brutalità del regime e della determinazione dei partigiani nel lottare per la libertà del nostro paese. La memoria delle vittime e dell’altruismo degli abitanti di Bornasco, nell’aiutare i sopravvissuti non curanti delle conseguenze, è un libro di molte pagine, di tante storie personali e collettive, di individui che diedero una risposta alta e nobile alla sfida che si era presentata loro in quei tragici giorni di aprile e ci ricorda che siamo chiamati a rispondere di noi stessi di fronte alla scelta di agire o meno, di intervenire per migliorare le cose, nonostante il tanto, tantissimo che potremmo avere da perdere. È per questo che siamo qui oggi, per effettuare il difficile, complesso lavoro della memoria di cui ogni società civile ha responsabilità: per ricordare ed onorare tutti gli uomini e le donne che, con le loro azioni e il loro sacrificio contro l’oppressione, ci hanno consegnato i doni preziosi di libertà e democrazia che hanno trovato consacrazione nella nostra Costituzione”.

Nell’imminenza della Liberazione, il 23 aprile 1945, 25 detenuti politici, tra i quali molti personaggi di spicco della Resistenza ligure, furono caricati come ostaggi dalle SS su una corriera per essere trasferiti verso il nord, destinazione Bolzano. Giunto la mattina successiva a Bornasco, in località Pontelungo frazione del comune di Vidigulfo (PV), il convoglio venne attaccato da alcuni aerei alleati: gli uomini di scorta si misero subito al riparo, mentre i prigionieri furono lasciati esposti al mitragliamento. Quattro di essi furono mortalmente colpiti (gen. Cesare Rossi, magg. Gianfranco Stallo, Giovanni Napoli, Renato Negri), mentre altri due (Raffaele Pieragostini e Rinaldo Ponte) furono uccisi mentre tentavano la fuga.

 

(22 aprile 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Genova
nubi sparse
15.9 ° C
17.9 °
13.2 °
80 %
1.3kmh
75 %
Mar
15 °
Mer
16 °
Gio
13 °
Ven
16 °
Sab
16 °
Pubblicità

LIGURIA CULTURA