Pubblicità
7.3 C
Genova
11.6 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
HomeGenovaGenova, "Liguria delle arti"guida ai tesori nascosti

Genova, “Liguria delle arti”guida ai tesori nascosti

GAIAITALIA.COM GENOVA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione #Genova twitter@gaiaitaliacomlo #teatro

 

 

 

Teatro Ipotesi , presenta “LIGURIA DELLE ARTI”, un ciclo di sedici appuntamenti itineranti (tutti ad ingresso libero e con inizio alle ore 21), con la Direzione Artistica dell’attore, regista e autore Pino Petruzzelli.

Sedici “Prime” per scoprire o riscoprire i capolavori d’arte meno noti presenti sul nostro territorio: sedici serate uniche in grado di creare un reale museo diffuso, dove le discipline artistiche si armonizzano per svelare la Liguria che non ti aspetti, grazie a una “guida ai tesori nascosti”che comprende oltre 100 opere di artisti quali Joan Mirò, Pieter Brueghel, Francis Bacon, Parmigianino, Luca Cambiaso, Bernardo Strozzi, Arturo Martini, solo per citarne alcuni, articolata in sedici tappe, che tocca alcune delle location più spettacolari della nostra regione: da Framura a Celle Ligure, da Monterosso al mare a Pigna, da Santa Margherita Ligure a Taggia.

Goethe diceva: “Il mezzo più sicuro per entrare in contatto con il mondo è l’arte”. Forte di questo pensiero illuminato così come della convinzione che cultura e consapevolezza siano il solo antidoto contro la decadenza, Teatro Ipotesi celebra, in ognuno di questi sedici eventi esclusivi, il patrimonio artistico presente, grazie all’intervento di storici dell’arte, di qualificati esperti ed archeologi.

In ogni tappa poi, alla forza salvifica della cultura e al fascino dei luoghi, si uniscono le suggestioni di compositori, poeti e scrittori liguri o intimamente legati alla nostra regione, dove trovarono ospitalità, raccoglimento e ispirazione per generare quei capolavori e farne dono al mondo intero.

La “scenografia” acustica attinge da pagine di Niccolò Paganini, Antonio Vivaldi, Luciano Berio, Fabrizio De André, Luigi Tenco, ed altri, eseguite dal vivo da studenti del Conservatorio Paganini di Genova. Vi sono anche musiche create su misura per alcuni degli appuntamenti, dal violoncellista e compositore Giacomo Biagi.

A completare questi simposi sulla bellezza, ecco le pagine immortali di Dante, Calvino, Caproni, Montale, Quasimodo, Byron, Maupassant, Shelley, Hemingway e altri, lette e interpretate da Pino Petruzzelli che arricchisce il tutto narrando curiosi aneddoti o episodi legati alla genesi di quelle pagine.

Questo perché “Liguria della arti” vuole coinvolgere ogni spettatore in modo multisensoriale, fare un inventario della bellezza che ci circonda per compilare insieme un piccolo prontuario, un kit di sopravvivenza contro la barbarie del mondo, godendo di ciò di cui disponiamo.

Le prime due tappe di “LIGURIA DELLE ARTI” sono previste sabato 30 giugno a Framura (SP) e domenica 1° luglio a Monterosso al mare(SP). Ecco il programma dettagliato:

Sabato 30 giugno ore 21, Framura, località Costa, presso la Chiesa di San Martino                            Beatrice Astrua, storica dell’arte, racconta la Madonna del Rosario di Bernardo Strozzi, Enrico Barbieri di Framura Turismo racconta la Chiesa di San Martino e la Torre Carolingia. Maria Cozzani (violino) e Alaa Alshaer (chitarra) eseguono musiche di Nicolò Paganini. Pino Petruzzelli legge brani di Percy Bysshe Shelley, George Gordon Byron, Anna Maria Ortese, Eugenio Montale, Mario Soldati, Claudio Pozzani, Camillo Sbarbaro. L’appuntamento rientra nell’ambito del Festival Nuove Terre.

Domenica 1° luglio ore 21, Monterosso al mare, presso il Convento dei Frati Cappuccini   Giacomo Montanari, storico dell’arte, racconta La crocifissione attribuita a Van Dyck, Maria Cozzani (violino) e Alaa Alshaer (chitarra) eseguono musiche di Niccolò Paganini. Pino Petruzzelli legge poesie di Eugenio Montale e Alfonso Gatto. L’appuntamento rientra nelle celebrazioni del 400° anno del Convento dei Frati Cappuccini.

Ogni serata inizia alle ore 21 e l’ingresso è libero. Il progetto itinerante “LIGURIA DELLE ARTI” è stato possibile anche grazie al contributo di moltissimi comuni e alla partecipazione di musei, diocesi biblioteche e associazioni.

 





 

 

(29 giugno 2018)

@gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

PubblicitàEmozioni uniche - Acquario di Genova

LEGGI ANCHE