Home / Genova / Genova. Le celebrazioni per il 60° anniversario del 30 Giugno 1960

Genova. Le celebrazioni per il 60° anniversario del 30 Giugno 1960

di Redazione #Genova twitter@genovanewsgaia #Lavoro

 

Nel mese di giugno 2020 ricorreranno i 60 anni dal 30 giugno 1960. Genova e a seguire Reggio Emilia, Palermo, Roma e Licata, furono le protagoniste di fatti che modificarono il corso della storia. Nel giugno 1960, la mobilitazione popolare di Genova contro il Congresso del Msi che si doveva tenere in città, l’indimenticabile discorso di Sandro Pertini, parlamentare della Repubblica – ed indimenticato Presidente della Repubblica poi – che arringò una gremita piazza della Vittoria con il famoso discorso “du brichettu”, la proclamazione dello sciopero generale indetto dalla sola Cgil, diedero il via ad una rivolta che si propagò nelle altre città e portò ad una straordinaria partecipazione di nuove generazioni alle mobilitazioni antifasciste culminate nella caduta del governo Tambroni. Non furono giornate indolori: in quegli scontri vi furono cariche della polizia e morti. Questi fatti, avvenuti nell’Italia del miracolo economico, determinarono la fine della stagione del centrismo, l’apertura di una fase politica nuova che avrebbe portato all’apertura a sinistra; riprecisarono i rapporti tra quanto avveniva nella società italiana, il ruolo dei partiti, il Parlamento, lo stesso ruolo di arbitro del Presidente della Repubblica che erano caduti in una vera e propria crisi Istituzionale. Proposero nuovamente al paese il problema del rapporto tra il diritto di partecipare e di manifestare e la gestione dell’ordine pubblico. Quegli avvenimenti si intersecarono a fermenti sociali nuovi che, a partire dalle lotte degli elettromeccanici e dalle prime iniziative di unità d’azione dei sindacati a Brescia e a Milano, avviavano quella che sarà definita la riscossa operaia degli anni sessanta. Lo straordinario moto popolare che impedì il proseguimento dell’avventura reazionaria del governo Tambroni, coniugato con l’apertura a sinistra che lo seguì, innescò anche contro reazioni di tipo eversivo che si sarebbero concretizzate in modo crescente nel corso degli anni sessanta, dal rumor di sciabole, agli incontri riservati che prepararono la costruzione della strategia della tensione, al concretizzarsi della medesima alla fine di quel decennio. La difesa della democrazia e il rispetto della Costituzione, il ruolo della Cgil e dell’Anpi, le lotte del lavoro che con la loro iniziativa permisero al Paese di uscire da quel vicolo cieco furono il filo conduttore di quegli avvenimenti e sono oggi i riferimenti fondamentali dell’azione della Cgil.

A sessanta anni da quegli eventi, la Camera del Lavoro di Genova e l’Anpi, promuovono, come accaduto per il cinquantesimo, un ciclo di iniziative tese a ricordare, riproporre, studiare ed analizzare storicamente gli avvenimenti del giugno-luglio ’60, la mobilitazione popolare di Genova contro la convocazione del Congresso del Msi, presieduto dal prefetto Carlo Basile prefetto responsabile delle deportazioni operaie in città, atto che fu vissuto come una vera e propria provocazione.

Lo annuncia il sito ufficiale della CGIL Liguria raggiungendo il quale potrete trovare anche il programma completo della manfiestazione.

 

(9 giugno 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: