17.5 C
Genova
martedì, Settembre 21, 2021
Pubblicità

Mancavano quelli dell’Asl 5 di La Spezia de “l’omosessualità comportamento a rischio Covid”

di Redazione, #Covid19

Ci si incazza persino Toti con questi qua, perché non si deve perdere occasione di fingere di creare una destra democratica pur essendo alleati degli omofobi Salvini e Meloni, e addirittura minaccia “Si tratta di un errore inaccettabile”. Mica per voi, per lui che si è tenuta la delega alla Sanità per fare bella figura.

Una roba da scriteriati, quel modulo: l’omosessualità come “comportamento a rischio”, insieme a “soggetti tossicodipendenti” e “soggetti dediti alla prostituzione”, hanno rispolverato gli slogan anti-gay dei tempi bui della pandemia da HIV, ma sono stati meno discreti, diciamo, perché tutto sta scritto nero su bianco, sul modulo per la vaccinazione anti Covid-19. Una vergogna. Essendo le teste a rischio, come da minaccia di Toti, Il direttore dell’azienda sanitaria deve fare ammenda: “Un chiaro errore, lo riconosciamo”. E non c’è da dubitare della sua sincerità.

Insomma è successo questo: su uno dei moduli per accedere alla vaccinazione anti Covid dell’Asl5, oltre ai dati anagrafici del richiedente, vengono elencate trenta categorie di soggetti tra le quali dichiararsi. Dalle donne in gravidanza agli studenti in ambito sanitario, fino ai lavoratori delle forze dell’ordine poi, al punto 10, scrive Repubblica, rispolverare i “comportamenti a rischio”: tossicodipendenti, soggetti dediti alla prostituzione, omosessuali. Dalla lista manca il “comportamento a rischio” più pericoloso: l’idiozia.

“Un chiaro errore, lo riconosciamo, per cui possiamo solo scusarci, – ammette dall’Asl il direttore dell’azienda sanitaria Paolo Cavagnaro – ma stiamo anche tentando di spiegarci”. Ci va giù di pialla il deputato di LeU Luca Pastorino: “Regione Liguria, Alisa e Asl5 chiariscano subito quanto accaduto” dichiara la nota stampa giunta in redazione del segretario di presidenza alla Camera, in merito alla indicazione, tra i comportamenti a rischio, dell’omosessualità nei moduli per accedere alla vaccinazione anti Covid in Liguria. “Vergognoso e ignobile, si chiarisca subito anche con una indagine interna”, chiosa la nota. Anche Italia Viva dice la sua con Raffaella Paita: “Non è uno scherzo ma una vergogna che deve essere subito cancellata” mentre PD e Articolo Uno con Davide Natale e Luca Garibaldi chiedono “scusa ai Liguri per non essere stati in grado di evitare loro di essere governati da una classe dirigente simile”.  Mentre il consigliere Sansa fa esplodere un polverone. E fa bene.

Troppo sforzo per mettersi a redigere un documento originalesensato. C’è stanchezza, evidentemente, che sempre più spesso è sinonimo di poca voglia di mettersi lì a fare quel che si deve. Seriamente. Poi c’è l’ipotesi del buontempone, ipotesi che non manca mai. Basta guardare chi gli Italiani hanno mandato al Governo.

 

(11 novembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,626FansMi piace
2,363FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: