Pubblicità
3 C
Genova
12.4 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
HomeFestival della ComunicazioneTra editoria e letteratura, il Festival della Comunicazione 2023 affronta il tema...

Tra editoria e letteratura, il Festival della Comunicazione 2023 affronta il tema Memoria spaziando dalla narrativa alla scienza

GAIAITALIA.COM GENOVA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Il Festival della Comunicazione è, più che mai nella sua decima edizione da giovedì 7 a domenica 10 settembre 2023, un’occasione di incontro con i più importanti autori del panorama italiano, che per le vie e le piazze di Camogli saranno protagonisti di interventi, dibattiti, interviste e lectio.

Tra gli appuntamenti più attesi dell’edizione di quest’anno, che è dedicata al tema Memoria, c’è la presentazione in anteprima assoluta del nuovo libro di Federico Rampini nell’incontro “Africa, dove si gioca il nostro futuro” (Mondadori) nel pomeriggio di domenica 10 settembre: se l’Africa è il continente dove si concentrerà la crescita della popolazione mondiale, e dove si trovano le materie prime di cui abbiamo bisogno nella transizione a un’economia sostenibile, spesso la narrazione è di impronta catastrofista, con notizie che la raccontano solo come luogo di sciagure e sofferenze. Ecco perché, contro i pregiudizi e i sensi di colpa dell’Occidente, si impone oggi una nuova narrazione. Ulteriore anteprima assoluta è quella di Roberto Cotroneo con “La cerimonia dell’addio” (Feltrinelli), in un dialogo con Massimo Recalcati che nel tardo pomeriggio di venerdì 8 settembre si svilupperà a partire dai temi della perdita, dell’assenza e dell’attesa.

Di ritorno alle origini tramite la lingua e il dialetto dialogheranno Fabienne Agliardi (anche a partire dal suo romanzo “Appetricchio”) con Cinzia Leone, che poi parlerà del suo più recente libro “Vieni tu giorno nella notte” insieme a Mirella Serri, addentrandosi in quel dolore atroce che è la perdita di un figlio, tra il bisogno di utopie, l’incanto dei corpi, il desiderio di appartenere a una comunità e le febbri collettive che portano alla violenza. L’esperienza del lutto, di una perdita irreversibile, è anche il punto di avvio della lectio magistralis di Massimo RecalcatiMemoria, lutto e nostalgia”, che prende le mosse dal suo più recente saggio “La luce delle stelle morte”.

Editor e agenti letterari, tra ambiguità e falsi miti” è il tema intorno a cui si svilupperà il confronto tra Valentina Alfieri e Carlo Carabba: un breve viaggio alla scoperta di che cosa fanno – davvero – editor e agenti letterari, tra idee spesso mitizzate, aneddoti più o meno edificanti e rapporti mitizzati. Sullo stesso ambito insisterà anche il confronto tra Fabio Masi e Rocco Pinto, che a partire dalla raccolta di racconti “Viaggi di carta” di quest’ultimo racconterà, a tratti anche con una vena fantastica, storie di librai e libraie che hanno rivoluzionato il mestiere, oltre che il mondo editoriale italiano con alcuni dei suoi attori più originali.

A cavallo tra attualità e storia recente sarà il dialogo tra la direttrice del Festival della Comunicazione Rosangela Bonsignorio e Pietrangelo Buttafuoco, a partire dal libro “Beato lui” dedicato a Silvio Berlusconi, con un affastellarsi di scene, di performance e di brevi novelle che saranno esplorate nell’apprezzatissimo format della colazione con l’autore. Nel filone della storia si colloca poi l’atteso appuntamento con Fabio Genovesi, che racconterà il viaggio di Cristoforo Colombo alla scoperta dell’America attraverso lo sguardo di un ragazzino orfano di 16 anni di nome Nuno, a partire dal suo ultimo libro “Oro puro”. Dal mondo classico al mondo dei social, Mila Valsecchi insieme a Daniele Coluzzi (che presenterà il suo “Odio e Amo”) condurranno alla scoperta di un Catullo che, invaghito di Lesbia, lascia Sirmione per raggiungerla a Roma con Giovenzio, suo schiavo e suo amante, in una rete di amori e tradimenti con – sullo sfondo – una Roma seducente e pericolosa.

A proposito di romanzi, Sandra Bonzi condurrà il pubblico camoglino dentro la nuova avventura di Elena Donati “Il mio nome è Due di Picche”, tra una vita familiare sempre più complicata e bizzarra e un’indagine che arriva un po’ per caso, in un dialogo con Cristiana Castellotti. Raccontare il passato, farlo rivivere, donare ai lettori prospettive nuove e vite che appartengono a un passato vittima di facile mitizzazione, semplificato da una narrazione troppo spesso riduttiva, è invece l’obiettivo che si sono dati Maurizio de Giovanni e Stefania Auci, che con il cappello della “Futura nostalgia” proveranno a raccontare insieme un’altra storia, attraverso personaggi che parlano del nostro futuro usando le parole del passato.

Di scienza, salute e innovazione si parlerà poi in molti incontri. A partire da “Fa bene o fa male? Manuale di autodifesa alimentare” che vedrà come protagonista Dario Bressanini a partire dal paradosso che, proprio quando abbiamo a disposizione un assortimento di cibo senza precedenti, siamo sempre più confusi e ansiosi rispetto a ciò che vorremmo mettere nel piatto. “La via dell’equilibrio” è invece il titolo del più recente libro di Antonella Viola e del confronto in programma con Federico Taddia: a partire dalle ragioni biologiche ed evolutive di un’esperienza universale quale è la perenne ricerca di un equilibrio fra la tutela del futuro e la gioia del presente, si cercherà di capire come rafforzare quel legame indissolubile che c’è fra il benessere del nostro corpo e quello del pianeta, così da iniziare davvero a prenderci cura di noi stessi e della Terra che ci ospita. E se oggi la realtà ha superato – in alcuni ambiti – la fantascienza di appena qualche decennio fa, con nuove scoperte scientifiche e innovazioni high tech riportano la nostra memoria a ciò che nella seconda metà del secolo scorso sembrava pura fantasia, ha sempre meno senso contrapporre la scienza dei ricercatori alla sua forma narrativa più fantasy, tanto che i due mondi si alimentano e si stimolano a vicenda. A discuterne a Camogli saranno due celebri astrofisici e apprezzatissimi autori quali Licia Troisi e Luca Perri, sempre a cavallo tra rigore scientifico e fantascienza.

Il programma dettagliato del Festival con i singoli eventi, le date, gli orari e le location è disponibile su festivalcomunicazione.it. Tutti gli eventi del Festival della Comunicazione sono gratuiti fino a esaurimento posti. Per una parte degli appuntamenti è richiesta la prenotazione, e le prenotazioni si aprono lunedì 28 agosto alle ore 12:00.

 

 

(28 agosto 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



PubblicitàEmozioni uniche - Acquario di Genova

LEGGI ANCHE