Pubblicità
5.5 C
Genova
14.4 C
Roma
Pubblicità
Pubblicità
HomeLericiNon sei sola. Un'asta di beneficenza contro la violenza di genere

Non sei sola. Un’asta di beneficenza contro la violenza di genere

GAIAITALIA.COM GENOVA anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Domenica 17 marzo dalle 10.30 alle 13.00 si svolgerà al Castello di Lerici un’asta benefica per sostenere i diritti delle donne attraverso l’arte. “Non sei sola” è il titolo dell’evento volto a raccogliere fondi destinati al Servizio Politiche Sociali del Comune di Lerici per finanziare progetti di prevenzione e sensibilizzazione contro la violenza di genere. Ben diciassette sono gli artisti coinvolti, tutti locali, che hanno messo a disposizione le proprie opere, manifestando vicinanza ad un tema tanto attuale: Federico Anselmi, Carlo Bacci, Pietro Bellani, Raffaele Cavaliere, Cosimo Cimino, Lotario Farina, Olimpio Galimberti, Gloria Giuliano, Stefano Guercio, Giovanni Medusei, Marzia Marusca Morelli, Michele Moroni, Walter Tacchini, Mario Tamberi, Giuliano Tomaino, Francesco Vaccarone ed Enrico Valenti. L’evento, organizzato dall’Assessorato alle Politiche Sociali in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, vedrà anche la collaborazione del Lions Club Lerici – Golfo dei Poeti quale battitore d’asta, ed il patrocinio della Prefettura della Spezia, da sempre molto attenta a questo genere di temi.

“Sotto l’impulso del nostro Prefetto Maria Luisa Inversini, abbiamo organizzato questa raccolta fondi per finanziare progetti e attività per contrastare la violenza di genere e in particolare il nostro obiettivo è riuscire a raggiungere le fasce d’età più giovani realizzando momenti di sensibilizzazione sia con le Associazioni sportive del territorio sia con il nostro Istituto Comprensivo” spiega Alessandra Di Sibio assessore alle Politiche Sociali del Comune di Lerici che continua: “Stiamo procedendo anche alla formazione di nuove volontarie del Punto di Ascolto, un primo appoggio sul territorio sempre in collaborazione costante con i Centri Antiviolenza della Spezia e di Sarzana. Fatti di questo genere sono all’ordine del giorno e anche solo parlarne quotidianamente, diffondere il numero nazionale antiviolenza, che anzi ricordo essere il 1522 è importante. Per scardinare il meccanismo della violenza ogni passo è significativo”.

L’ingresso al castello sarà libero.

 

 

(7 marzo 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 



PubblicitàEmozioni uniche - Acquario di Genova

LEGGI ANCHE