Pubblicità
15.9 C
Genova
22 C
Roma
Pubblicità

GENOVA

Pubblicità

POLITICA

HomeLa SpeziaFestival dell’archeologia sperimentale divulgativa sul Mondo Antico

Festival dell’archeologia sperimentale divulgativa sul Mondo Antico

Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

Al via la XVII edizione del Paleofestival, il Festival dell’Archeologia Sperimentale Divulgativa sul Mondo Antico, che si terrà al Castello San Giorgio della Spezia nelle giornate del 27 e del 28 aprile.

“Nei suoi diciassette anni di vita, il Paleofestival è diventato un appuntamento irrinunciabile nel calendario culturale spezzino, e non solo, grazie al costante rinnovamento delle attività proposte che hanno coinvolto un pubblico sempre più vasto ed eterogeneo, riscuotendo un grande successo e gradimento da parte dei partecipanti – dichiara il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini – questa edizione vedrà anche diverse novità che sicuramente sapranno coinvolgere e interessare.”

In queste due giornate il giardino, le terrazze e tutti gli spazi del Castello si trasformeranno in un grande parco archeologico urbano dove saranno creati dei punti interattivi condotti da archeologi sperimentalisti, archeotecnici, personale didattico dei musei e di parchi archeologici e sperimentatori per divulgare, con dimostrazioni interattive e laboratori, gli usi e i costumi della Preistoria e delle antiche civiltà.

Attraverso attività esperienziali, momenti ludici, laboratori manuali e spettacoli da vivere in prima persona, il Paleofestival divulga le sperimentazioni archeologiche insegnando a bambini ed adulti a manipolare la materia per produrre gli strumenti e utensili della Preistoria così che, conoscendo le radici del nostro passato, possano migliorare il loro futuro in una nuova consapevolezza del rapporto con l’ambiente e con la società. Nell’antichità, infatti, il riuso e il riciclo dei materiali era fondamentale per il risparmio economico, e la trasmissione pratica dei saperi era il metodo principale di insegnamento, poiché si garantivano insieme la sopravvivenza e il progresso di tutta la comunità.

Il programma di quest’anno è particolarmente ricco di proposte, ben 35 diverse attività, e saranno presenti, oltre ai fidati protagonisti delle scorse edizioni, nuovi sperimentatori e nuove collaborazioni con parchi archeologici provenienti da tutta Italia e anche dalla Corsica. Al termine della giornata del 27 aprile sarà presentato uno spettacolo fondato sul racconto e la musica che narrerà le tappe fondamentali del lungo cammino umano, con il sottofondo delle musiche di Antonio Vivaldi, che ci porterà alla conoscenza delle scoperte che hanno cambiato la nostra storia.

La novità più significativa di quest’anno è la riproposta del convegno scientifico dal respiro internazionale del Paleofestival “Quinto incontro studi di archeologia sperimentale. Problematiche e soluzioni tra ricerca e divulgazione” che si svolgerà domenica 28 aprile dalle ore 11.00 alle ore 13.00 ad ingresso gratuito e senza prenotazione.

I lavori del convegno, dopo i saluti istituzionali del Sindaco Peracchini, saranno introdotti da Donatella Alessi, conservatrice del Museo del Castello San Giorgio e moderati dall’archeologo Edoardo Ratti. Le tematiche trattate saranno il racconto di sperimentazioni archeologiche nuove e ricerche specialistiche e la presentazione di parchi archeologici, dei loro scavi archeologici e delle loro attività educative. Nel corso del convegno interverranno: Marta Coccoluto, responsabile del Parco Archeologico di Baratti e Populonia “Populonia, città sul mare. Ricerca archeologica, progetti di valorizzazione e management culturale”; Vincent Lascour dell’Associazione Chalcophore, “La strada dell’ossidiana. La circumnavigazione della Corsica in piroga monossile”; Stefano Ricci, antropologo dell’Università di Siena, “Noi, i Neandertaliani e i Denisoviani: storie di convivenza preistoriche”; Fabio Fazzini, archeologo, “Ambra, storia e lavorazione nel Piceno dell’Età del Ferro”.

Come prenotare.

Anche quest’anno saranno inseriti laboratori per adulti che potranno finalmente divertirsi da soli o con i loro bambini. E’ consigliato per tutti i partecipanti scegliere e prenotarsi per le attività programmate per la giornata. L’evento si svolgerà anche in caso di maltempo. La prevendita è attiva presso il Museo del Castello. Ulteriori informazioni: tel. 0187/751142 e 0187/727219 |e-mail: sangiorgio.segreteria@comune.sp.it | Museo del Castello di San Giorgio, via XXVII Marzo, La Spezia. Siti internet: museodelcastello.spezianet.it. L’ingresso al Festival ha un costo.

 

Qui tutto il programma:

SABATO 27 aprile ORARIO
Marco Greco (La Spezia) – Diventa paleopittore: pittura su pietra con ocre e colori naturali 15.00-16.00

17.00-18.00

Alfio Tomaselli (Pistoia), Archeologia sperimentale – Il fuoco nella Preistoria 15.00-16.00
Alfio Tomaselli (Pistoia), Archeologia sperimentale – dimostrazione di scheggiatura della selce 17.00-18.00
Anna Rozzi e Greta Bonati (La Spezia) – Bambini, Romani, concittadini…Siamo qui per seppellire Cesare. Ricostruiamo il letto funerario di Cesare 16.00-17.00; 17.30.00-18.30
Alessandro Filippi e Valerio Simini (La Spezia) –  Quando i Romani battevano i piedi. Fabbrichiamo uno scabellum: il sandalo sonoro usato dai musicisti romani per scandire il tempo durante le loro esibizioni 15.00-16.00; 17.00-18.00
Edoardo Ratti, Archeolink (Massa Carrara) e Raffaella Badiale (La Spezia) – Il cinghiale, fiero avversario dalla selvaggia forza divina, diventa di terracotta. Laboratorio di scultura celtica in argilla 16.00 -17.00, 17.30-18.30 (anche per adulti)
Giorgio e Roberto Giannotti (La Spezia) – Alla scoperta della caverna. Esperienza immersiva nella Preistoria 15.30 -17.30
Susanna Gasparini, Silvia Pini, Parco Archeologico del villaggio neolitico di Travo (Piacenza) – Laboratorio di modellismo preistorico: riproduzione di architetture neolitiche e megalitiche in scala 16.00-16.30; 16.30-17.00, 17.30-18.00
Mauro Viegi e Claudio Pratelli, Brigata del Tasso (Pisa) – L’arco: le origini, le tecniche di costruzione e i materiali. Prove pratiche di tiro 16.30-18.00
Ginevra Gottardi, Laboratorio Interattivo Manuale (Trento) –  Impariamo la tecnica dello sbalzo” su lamina di metallo: la maschera di Agamennone 16.30-18.00
Serenella Zucconi e Silvia Ioli Parchi Val di Cornia (Livorno) – Nella bottega dell’orefice etrusco: lavorazione a sbalzo della lamina metallica 15.30-16.30;
Serenella Zucconi e Silvia Ioli, Parchi Val di Cornia (Livorno) – Il mio nome in etrusco: scriviamo in etrusco su papiro 17.00-18.00
Antonio Motta, divulgatore scientifico (Massa Carrara) – I suoni e strumenti musicali nella Preistoria 16.00-17.00; 17.30-18.30
Luca Bedini, Miluca Archeologia Sperimentale (Modena) – Dimostrazione di lavorazione di vasi al tornio greco-romano 15.30-16.30; 17.00-18.00
Vincent Lascour, Associazione Chalcophore (Corsica) – Artigiani dell’età del Bronzo: fusione del metalli 16.00-16.30
Vincent Lascour, Associazione Chalcophore (Corsica) – Artigiani dell’età del Bronzo: Dimostrazione di scheggiatura dell’ossidiana e della steatite 17.00-18.30
Sara Piva (La Spezia) – L’occhio di Ra. Realizziamo gli amuleti degli antichi Egizi 16.00-17.00; 17.30-18.30
Jacopo Crezzini, Università di Siena –  Una giornata bestiale: la caccia e la macellazione degli animali nel Paleolitico 16.00-17.00, 17.30-18.30 (anche per adulti)
Fabio Fazzini, Paola Benedetti (Macerata) – Il guerriero e la principessa picena. Dimostrazione di lavorazione dell’osso e dell’ambra per realizzare una fibula polimaterica 15.30 -18.00
Associazione Culturale Amici di Luni (La Spezia) – Lunensia: scene di vita nell’antica Luni: le tabernae canistraria, musivaria e textrina. Laboratorio di realizzazione di cesti, di mosaici e di tessitura 15.30-18.30

15.30-16.30 laboratorio di intreccio

16.30-17.30 laboratorio di mosaico

17.30-18.30 laboratorio di tessitura

Legio XII Fulminata (Cesena, Arezzo) – Il mondo della gladiatura nell’antica Roma: dimostrazioni di combattimento, esposizione di riproduzione di reperti archeologici 15.00-18.00
Legio XII Fulminata (Cesena, Arezzo) – Il mondo della gladiatura nell’antica Roma: laboratori di addestramento giovani legionari 17.20-17.50; 18.00-18.30
Sara Lenzoni e Gianfranco Berghich (la Spezia) –

Romani in rosso…e al verde

Laboratorio per sperimentare la tintura dei tessuti con la robbia, la reseda, il mallo di noce  e la cocciniglia

15.00-16.00; 17.00-18.00
Samuela Raffaelli e Marta Ragnoli (La Spezia) – Archeologo per un giorno. Sperimenta il mestiere dello scavo archeologico 15.00-16.00, 17.00-18.00
Renato Fasolo, Archeoland e Amelie Nottebohn (Verona) – Vestiamo le statue stele delle Alpi.  Laboratorio di intreccio di fibre naturali

 

15.30-16.30; 16.30-17.30
Riccardo Chessa, parco archeologico gli Albori Grosseto) – Laboratorio di ceramica per realizzare e decorare un bicchiere dell’età del Rame in stile campaniforme
Spettacolo conclusivo: Le quattro stagioni della storia dell’uomo di Stefano Ricci, antropologo dell’Università di Siena, con

Benedetta Mignani – violino solista, Aurora Duchi – secondo violino, Gennaro Scacchioli – viola,

Andrea Sernesi – violoncello.

Le tappe fondamentali del lungo cammino umano, con il sottofondo della grande musica di Antonio Vivaldi, che ci porta alla conoscenza delle scoperte che hanno cambiato nel bene e nel male la nostra storia

18.30-20.00
DOMENICA 28 aprile
Quinto Incontro Studio di Archeologia sperimentale. Problematiche e soluzioni tra ricerca e divulgazione. Ingresso libero

Marta Coccoluto, Responsabile del Parco archeologico di Baratti e Populonia – Populonia, città etrusca sul mare. Ricerca archeologica, progetti di valorizzazione e management culturale.

Vincent Lascour – La strada dell’ossidiana. La circumnavigazione della Corsica in piroga monossile

Stefano Ricci – Noi, i Neandertaliani e i Denisoviani: Storie di convivenze preistoriche

Fabio Fazzini – Ambra: storia e lavorazione nel Piceno dell’età del Ferro

11.00-13.00
ArcheoBaratto di materie prime e manufatti 14.30-15.30
Vincent Lascour, Associazione Chalcophore (Corsica) – Artigiani dell’età del Bronzo: dimostrazione della scheggiatura dell’ossidiana e della lavorazione della steatite 16.00-17.30
Vincent Lascour, Associazione Chalcophore (Corsica) – Artigiani dell’età del Bronzo: fusione del metalli 18.00-18.30
Anna Rozzi e Greta Bonati (La Spezia) – Bambini, Romani, concittadini…Siamo qui per seppellire Cesare. Ricostruiamo il letto funerario di Cesare 16.00-17.00; 18.00-19.00
Serenella Zucconi e Silvia Ioli, Parchi Val di Cornia (Livorno) – Nella bottega dell’orefice etrusco: lavorazione a sbalzo della lamina metallica 15.30 -16.30
Giorgio e Roberto Giannotti (La Spezia) – Alla scoperta della caverna. Esperienza immersiva nella Preistoria 17.00 -19.00
Mauro Viegi e Claudio Pratelli, Brigata del Tasso (Pisa) – L’arco: le origini, le tecniche di costruzione e i materiali. Prove pratiche di tiro 16.30-18.00
Ginevra Gottardi, Laboratorio Interattivo Manuale (Trento) – Impariamo la tecnica dello sbalzo su lamina di metallo: il pugnale età del Bronzo.

 

15.30-16.30
Antonio Motta, divulgatore scientifico (Massa Carrara) – I suoni e strumenti musicali nella Preistoria – 16.30-17.30; 17.30-18.30
Renato Fasolo, Archeoland e Amelie Nottebohn (Verona) – Vestiamo le statue stele delle Alpi.  Laboratorio di intreccio di fibre naturali

 

15.30-16.30
Sara Lenzoni e Gianfranco Berghich (la Spezia) –

Romani in rosso…e al verde

Laboratorio per sperimentare la tintura dei tessuti con la robbia, la reseda, il mallo di noce  e la cocciniglia

16.00-17.00; 17.30-18.30
Alessandro Filippi e Valerio Simini (La Spezia) –  Quando i Romani battevano i piedi. Fabbrichiamo uno scabellum: il sandalo sonoro usato dai musicisti romani per scandire il tempo durante le loro esibizioni 16.00-17.00; 17.30-18.30
Donatella Alessi, Museo Archeologico del Castello e Simone Grando, (La Spezia) – Fiat lux: Laboratorio di modellazione a stampo delle lucerne romane 16.00-17.00; 17.00 -18.00
Samuela Raffaelli e Marta Ragnoli (La Spezia) – Archeologo per un giorno. Sperimenta il mestiere dello scavo archeologico 16.00 -17.00; 18.00-19.00
Luca Bedini, Miluca Archeologia Sperimentale (Modena) – Dimostrazione di lavorazione di vasi al tornio greco-romano 15.30-16.30; 17.00-18.00
Sara Piva (La Spezia) – L’occhio di Ra. Realizziamo gli amuleti degli antichi Egizi 16.30-17.30; 18.00-19.00
Maila Bernardini (La Spezia) – Segni sulla pelle: comunicare con il corpo. Tatuaggi celtici con l’hennè 16.30-18.30
Associazione Culturale Amici di Luni (La Spezia) – Lunensia: scene di vita nell’antica Luni: le tabernae canistraria, musivaria e textrina. Laboratorio di realizzazione di cesti, di mosaici e di tessitura 15.30-18.30

16.00-17.00 laboratorio di intreccio

17.00-18.00 laboratorio di mosaico

18.00-19.00 laboratorio di tessitura

Marco Greco (La Spezia) – Diventa paleopittore: pittura su pietra con ocre e colori naturali 15.00-16.00

17.00-18.00

Riccardo Chessa, parco archeologico gli Albori (Grosseto) – Laboratorio di preparazione di vaghi di collana in osso, martellatura di piccole asce di rame 15.30-16.30
Riccardo Chessa, parco archeologico gli Albori (Grosseto) – Laboratorio di realizzazione di cuspidi di freccia in selce e brassard in pietra 16.30-17.30
Legio XII Fulminata (Cesena, Arezzo) – Passatempi nell’antica Roma: i giochi da tavolo 16.00-17.00
Legio XII Fulminata (Cesena, Arezzo) – Il mondo della gladiatura nell’antica Roma: dimostrazioni di combattimento, esposizione di riproduzione di reperti archeologici 15.30-17.30

 

 

(9 aprile 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 



Genova
nubi sparse
15.9 ° C
17.9 °
13.2 °
80 %
1.3kmh
75 %
Mar
15 °
Mer
16 °
Gio
13 °
Ven
16 °
Sab
16 °
Pubblicità

LIGURIA CULTURA