Home / Genova / A Genova nasce “reti Diffuse” progetto sperimentale per portare nelle edicole servizi demografici e turistici

A Genova nasce “reti Diffuse” progetto sperimentale per portare nelle edicole servizi demografici e turistici

di Redazione #Genova twitter@gaiaitaliacomlo #Turismo

 

La Giunta comunale ha approvato, in via sperimentale e per dodici mesi, il progetto “Reti diffuse” che consente alle edicole di erogare servizi demografici on line e informazioni turistiche. La giunta comunale ha anche approvato il relativo schema di convenzione tra il Comune di Genova, Confesercenti e Fenagi.

Il provvedimento fa seguito al protocollo sottoscritto lo scorso anno tra ANCI e FIEG – nell’ambito del Progetto Edicole 2.0 – che prevede l’opportunità per le rivendite di giornali di diventare centri servizi per i cittadini, determinando un ampliamento dell’offerta al fine di agevolare i cittadini stessi e rivitalizzare il tessuto produttivo anche riqualificando le edicole in città.

Il progetto, che a Genova prende il nome di “Reti diffuse”, è rivolto sia ai cittadini privi o scarsamente inclini all’uso dei nuovi strumenti informatici, esclusi di fatto dalla possibilità di usufruire delle certificazioni on line offerte dalla Civica amministrazione.

Con il progetto “Reti diffuse”, sperimentale per un anno, la Civica Amministrazione punta a incrementare i propri servizi on line e in particolare il volume delle certificazioni anagrafiche digitali, attive già da alcuni mesi, il cui volume ammonta a 44.000 unità, un terzo rispetto alle certificazioni rilasciate dagli sportelli.

Per quanto riguarda l’informazione turistica di base estesa alle edicole, lo scopo è quello di dotare tutto il territorio cittadino, in orari diversi e più ampi rispetto agli attuali, di una rete di punti informativi, in grado di offrire servizi e pacchetti turistici.

Le edicole che aderiranno al progetto “Reti diffuse” potranno avvalersi di una riduzione del Canone di occupazione spazi e aree pubbliche (COSAP), che dipenderà dal numero di servizi effettivamente resi all’utenza.

A titolo di rimborso spese, le rivendite di giornali potranno richiedere un euro per l’assistenza, il rilascio e la stampa dei certificati. Il Comune di Genova promuove appositi corsi di formazione, sull’utilizzo dei servizi on line, le modalità di stampa dei certificati e la normativa in materia di bollo.

 




 

(15 ottobre 2018)

©gaiaitalia.com 2018 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: