Home / L'Opinione Genova / Luca Bizzari non parla di epurazione: “Peccato, eravamo diventati una bella voce con ascolti altissimi”

Luca Bizzari non parla di epurazione: “Peccato, eravamo diventati una bella voce con ascolti altissimi”

di Redazione #Genova twitter@gaiaitaliacomlo #RaiDue

 

 

Luca Bizzarri, metà del geniale duo Luca Paolo recenti vittime dell’Editto Freccero che delira di “televisione libera” parlando di Daniele Luttazzi mentre mette alla porta il TG satirico del duo di comici, in una serie di dichiarazioni rilasciate a Repubblica non parla di epurazioni, ma di “scelta legittima”: un vero signore. Freccero ha motivato l’esclusione dai palinsesti di “Quelli che dopo il Tg”, con effetto immediato, per far posto ad un nuovo programma di approfondimento che non è difficile immaginare filo pentaleghismo in  linea coi datori di lavoro del direttore di Rai Due.

Bizzarri, pur mantenendo un aplomb da gentiluomo che dovrebbe appartenere a molti emeriti cialtroni che vagano da una poltrona all’altro, non nasconde un certa delusione: “Quelli che dopo il Tg era una bella trasmissione, stava crescendo molto, siamo diventati una bella voce satirica: eravamo stabili un punto e mezzo di share sopra la media di rete, sempre sopra il milione e due di spettatori”, numeri che l’orribile rete che Freccero deve ora resuscitare si sogna.

Non è esagerato dire, quindi, che la direzione Freccero si apre con un primo clamoroso autogol. In nome dell’approfondimento o dell’intruppamento. Chiamatelo come vi pare.

 

 




 

 

(5 gennaio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*